CODICE DEONTOLOGICO PSICOLOGI PDF

Con tale atto si sono trasformate delle regole deontologiche in norme giuridiche, la cui violazione comporta delle sanzioni. Quindi il codice deontologico ha due scopi: riconoscersi e farsi riconoscere. In questo scritto troverete il testo integrale accompagnato da un commento in corsivo su ogni singolo articolo della prima parte, i principi generali. Lo psicologo utilizza metodi e tecniche salvaguardando tali principi, e rifiuta la sua collaborazione ad iniziative lesive degli stessi. Lo psicologo si accerta che i metodi e le tecniche utilizzati siano coerenti con i principi della psicologia e non si mette in contraddizione con essi. Uno psicologo adeguatamente formato professionalmente non dovrebbe essere colonizzato da istanze morali o ideologiche, in modo tanto totalizzante, da smarrire il respiro laico del proprio agire tecnico — professionale.

Author:Necage JoJoll
Country:Cuba
Language:English (Spanish)
Genre:Spiritual
Published (Last):20 June 2009
Pages:235
PDF File Size:16.97 Mb
ePub File Size:1.66 Mb
ISBN:508-7-58326-890-6
Downloads:89473
Price:Free* [*Free Regsitration Required]
Uploader:Samurr



Lo psicologo utilizza metodi e tecniche salvaguardando tali principi, e rifiuta la sua collaborazione ad iniziative lesive degli stessi. Riconosce i limiti della propria competenza e usa, pertanto solo strumenti teorico — pratici per i quali ha acquisito adeguata competenza e, ove necessario, formale autorizzazione. Articolo 6 Lo psicologo accetta unicamente condizioni di lavoro che non compromettano la sua autonomia professionale ed il rispetto delle norme del presente codice, e, in assenza di tali condizioni, informa il proprio Ordine.

Nella collaborazione con professionisti di altre discipline esercita la piena autonomia professionale nel rispetto delle altrui competenze. Lo psicologo, su casi specifici, esprime valutazioni e giudizi professionali solo se fondati sulla conoscenza professionale diretta ovvero su una documentazione adeguata ed attendibile.

Articolo 13 Nel caso di obbligo di referto o di obbligo di denuncia, lo psicologo limita allo stretto necessario il riferimento di quanto appreso in ragione del proprio rapporto professionale, ai fini della tutela psicologica del soggetto. Articolo 17 La segretezza delle comunicazioni deve essere protetta anche attraverso la custodia e il controllo di appunti, note, scritti o registrazioni di qualsiasi genere e sotto qualsiasi forma, che riguardino il rapporto professionale.

Tale documentazione deve essere conservata per almeno i cinque anni successivi alla conclusione del rapporto professionale, fatto salvo quanto previsto da norme specifiche. Articolo 23 Lo psicologo pattuisce nella fase iniziale del rapporto quanto attiene al compenso professionale.

Pertanto, opera in modo che chi ne ha diritto possa esprimere un consenso informato. Articolo 25 Lo psicologo non usa impropriamente gli strumenti di diagnosi e di valutazione di cui dispone. Nel caso di interventi commissionati da terzi, informa i soggetti circa la natura del suo intervento professionale, e non utilizza, se non nei limiti del mandato ricevuto, le notizie apprese che possano recare ad essi pregiudizio.

Parimenti costituisce grave violazione deontologica instaurare le suddette relazioni nel corso del rapporto professionale. Lo psicologo non sfrutta la posizione professionale che assume nei confronti di colleghi in supervisione e di tirocinanti, per fini estranei al rapporto professionale.

Articolo 36 Lo psicologo si astiene dal dare pubblicamente su colleghi giudizi negativi relativi alla loro formazione, alla loro competenza ed ai risultati conseguiti a seguito di interventi professionali, o comunque giudizi lesivi del loro decoro e della loro reputazione professionale.

Costituisce aggravante il fatto che tali giudizi negativi siano volti a sottrarre clientela ai colleghi. Articolo 37 Lo psicologo accetta il mandato professionale esclusivamente nei limiti delle proprie competenze.

Riconosce quale suo dovere quello di aiutare il pubblico e gli utenti a sviluppare in modo libero e consapevole giudizi, opinioni e scelte.

AMALGAM ILLNESS DIAGNOSIS AND TREATMENT PDF

Codice deontologico degli psicologi italiani

Lo psicologo utilizza metodi e tecniche salvaguardando tali principi, e rifiuta la sua collaborazione ad iniziative lesive degli stessi. Riconosce i limiti della propria competenza e usa, pertanto solo strumenti teorico — pratici per i quali ha acquisito adeguata competenza e, ove necessario, formale autorizzazione. Articolo 6 Lo psicologo accetta unicamente condizioni di lavoro che non compromettano la sua autonomia professionale ed il rispetto delle norme del presente codice, e, in assenza di tali condizioni, informa il proprio Ordine. Nella collaborazione con professionisti di altre discipline esercita la piena autonomia professionale nel rispetto delle altrui competenze. Lo psicologo, su casi specifici, esprime valutazioni e giudizi professionali solo se fondati sulla conoscenza professionale diretta ovvero su una documentazione adeguata ed attendibile. Articolo 13 Nel caso di obbligo di referto o di obbligo di denuncia, lo psicologo limita allo stretto necessario il riferimento di quanto appreso in ragione del proprio rapporto professionale, ai fini della tutela psicologica del soggetto. Articolo 17 La segretezza delle comunicazioni deve essere protetta anche attraverso la custodia e il controllo di appunti, note, scritti o registrazioni di qualsiasi genere e sotto qualsiasi forma, che riguardino il rapporto professionale.

BALDINTZA ARIKETAK PDF

Deontologia

.

ATW-2129 A PDF

Codice deontologico

.

Related Articles